Trail
Supramonte X-wild
Oliena 2024
4-6 Maggio

01

Evento unico nel mondo dei trail in Mountain Bike

02

L'avventura inMountain Bike o BdC nel cuore della Sardegna

03

3 Percorsi:
Wild
X-Wild
X-Road
Ognuno sceglie il suo limite

04

Supramonte unsupported:la libertà di vivere la natura più selvaggia della Sardegna sulla MTB

05

Cinque Edizioni:
-2019 Cala Gonone
-2020 Urzulei
-2021 Orgosolo
-2022 Baunei
- 2024 Oliena

SUPRAMONTE X-WILD 2024 – OLIENA

L' avventura in MTB nella Sardegna più selvaggia

Ritorna dal 04 al 06 maggio, dopo un anno di pausa, l’avventura in bikepacking che strizza
l’occhio all’estremo nell’aspro e selvaggio territorio del Supramonte; tre giorni di forti esperienze percorrendo centinaia di chilometri nei territori di Oliena, Orgosolo, Dorgali,
Urzulei e Baunei.
Giunta alla V edizione, dopo Dorgali, Urzulei, Orgosolo e Baunei, il Supramonte X-Wild quest’anno avrà il suo Quartier Generale a Oliena.

Supramonte
X-Wild

La libertà di vivere la natura più selvaggia della Sardegna sulla tua bicicletta!

La manifestazione sportiva, patrocinata dalla Regione Sardegna, dall’Assessorato al Turismo, dai comuni interessati e dall’Ente di promozione sportiva AICS, è diventato un evento che aiuta a convogliare nelle zone interne quel turismo naturalistico e sportivo alternativo a quello classico stagionale, fuori dalle classiche rotte sarde, un turismo ecocompatibile e ad impatto zero grazie all’utilizzo della bicicletta. Viene fatto conoscere un territorio unico per i suoi caratteri ambientali, naturalistici ancora intatti e selvaggi insieme a delle comunità con forte senso di appartenenza, antiche tradizioni ma aperte e ospitali . Non è facile addentrarsi in una morfologia carsica così aspra, ricca di gole, dirupi, aree rocciose e con una vegetazione rigogliosa, spesso primordiale, come il Supramonte. Chi partecipa al Trail avrà la possibilità di viverlo! Cercheremo di arrivarci in punta di piedi, leggeri e senza lasciarvi traccia, guidati solo da una traccia GPS, dal nostro senso dell’orientamento e dal sapersi adattare al disagio e alla fatica. 

Quest’anno i percorsi saranno tre dei quali uno è una vera e propria news per il SXW :
 Wild, 160 km e 5.000 m di dislivello;
 X-Wild, 260 km e 7.850 m di dislivello;
 X-Road, 320 km e 5.600 m di dislivello.

I primi due, Wild e X-Wild, fanno parte dei classici percorsi fuoristrada da affrontare in MTB in assetto bikepacking che si addentrano nel cuore del Supramonte più selvaggio; l’ultimo, X-Road, si svolge su strade asfaltate, principalmente secondarie a basso traffico, che toccano le parti periferiche delle grandi montagne carsiche e si può affrontare con una BDC sempre attrezzata per bikepacking. In questo nuovo percorso, tutt’altro che banale (basta osservare il dislivello) si allargano gli orizzonti interessando anche altri territori arrivando a toccare anche il Gennargentu, la Baronia, l’Ogliastra e la Barbagia. Nei due percorsi fuoristrada, Wild e X-Wild, verranno utilizzati quei sentieri, spesso quasi invisibili, che da sempre le popolazioni, i pastori ma anche i carbonai e i tagliatori di legname, hanno utilizzato per addentrarsi nella montagna ma sempre con riverenza e attenzione lasciando un territorio ancora intatto!

I percorsi sono concepiti nel massimo rispetto dell’ ambiente, utilizzando quando possibile, strade minori e sentieri percorribili in MTB ma talvolta si devono affrontare alcuni tratti difficili da pedalare in cui gli atleti sono costretti, visto lo spirito dell’ evento, a scendere dal proprio mezzo e procedere a piedi. Naturalmente ci saranno tratti scorrevoli su sterrato e raccordi su asfalto che allevieranno le fatiche e faranno riprendere fiato, si attraverseranno paesi dove rifornirsi e potersi fermare a riposare. Sarà, per ognuno dei tre percorsi, un grande giro ad anello per ritornare ancora al punto di partenza ovvero a Oliena. Il tempo massimo sarà di 64 h per tutti i percorsi. In breve si tratta di una competizione, anche se il termine competizione è improprio, che si affronta in bicicletta (MTB o BDC a seconda dei percorsi scelti), in tappa unica, in autosufficienza, in autonomia, non stop. Il concetto di “tappa unica” lascia all’atleta la scelta sulla distribuzione dei propri tempi di riposo, purché giunga al traguardo entro il tempo limite, non esistono tappe obbligate e decise dall’organizzazione. Con “autosufficienza” si intende che ogni concorrente deve portare con se (sulla propria bici e/o nello zaino) tutto ciò che gli può servire: l’abbigliamento, il materiale obbligatorio (sacco a pelo, luci per la progressione notturna, attrezzi di manutenzione, ricambi, ecc.), l’acqua e il cibo di cui ha bisogno per portare a termine la competizione. L’acqua e qualcosa di semplice da mangiare è l’unica cosa che verrà fornita alla nei CP dall’organizzazione, poi spetterà all’atleta rifornirsi nei paesi attraversati o presso le sorgenti lungo il percorso. Ognuno avrà con se un materassino e il sacco a pelo nel caso sia necessaria una sosta lontano dai centri abitati. Invece “in autonomia” si intende che il biker non può ricevere aiuti esterni se non quelli previsti dall’organizzazione. Il significato di “non stop” si identifica con il fatto che ogni atleta decide quanto pedalare, quanto fermarsi e come affrontarla ma senza obblighi da parte dell’organizzazione.

In pratica ognuno sarà libero di vivere quest’avventura come desidera: o come viaggio, usufruendo anche delle comodità di un alloggio e di un ristorante, o come competizione, procedendo ad oltranza sfruttando magari anche le ore notturne e riducendo le fermate al minimo necessario.  Obbligo per tutti è il rispetto del tracciato che deve essere seguito per intero senza tagli e aiuti esterni, unica indicazione una traccia GPS fornita dall’organizzazione e poche altre informazioni date con i WP o inserite nel Road book, di conseguenza non è necessaria segnaletica specifica e personale di controllo se non quello dei Check Point. I CP sono stati ridotti al minimo, ce ne sono quattro nelle distanze più lunghe, obbligatorio fermarsi per la verifica di passaggio e dove vi è la possibilità di rifornirsi d’acqua, mangiare qualcosa e anche riposare con il proprio materassino e sacco a pelo. Viene però lasciata agli atleti la libertà di organizzarsi le tappe anche in modo diverso, ad esempio prenotando un B&B oppure bivaccando in un antico cuile o all’aperto lungo il percorso, mangiando quanto si è portato appresso oppure in ristorante o comprandosi quanto occorre nei negozi. L’evento sarà seguito in diretta attraverso il live tracking, ogni partecipante avrà un dispositivo GPS rilevatore/trasmettitore sempre attivo che permetterà a chiunque si colleghi su un pc o uno smartphone, di seguire passo passo ogni atleta in tempo reale su una mappa ad alta definizione con riportato il percorso e dove si possono rilevare tutti i dati utili quali tempo, km percorsi, velocità media, posizione in classifica, ecc.

Il SXW 2024 è un’Avventura in bicicletta che si può percorrere in forma individuale, a coppie o in piccoli gruppi. Questa “competizione” è pensata per rispondere sia alle esigenze degli agonisti più preparati nelle competizioni di endurance che a quelle degli amanti dei viaggi-avventura. Ogni atleta durante il proprio “viaggio” vive ciò che i propri sensi recepiscono: paesaggi, mare, colori, profumi, paesi, borghi, sentieri, torrenti, laghi, boschi, prati, montagne, incontri … un concentrato di natura ed emozioni che solo la Sardegna e il Supramonte in particolare, possono offrire tutto insieme! Il fatto di utilizzare la bicicletta permette di gustare tutto questo alla giusta velocità, nulla vieta al partecipante di portarsi la macchina fotografica, rallentare e fermarsi ad ammirare il panorama o godere della natura che hai intorno. Supramonte X-Wild, la libertà di vivere la natura più selvaggia della Sardegna sulla tua bicicletta!

Partecipa al Trail di ultradistanza
in autosufficienza e non stop

16O Km/+5000 dsl

26O Km/+7850 dsl

320 Km/+5600 dsl

Contatti

Email: supramonte.xwild@gmail.com