SUPRAMONTE X-WILD

BENVENUTI A

L’AVVENTURA IN MTB NEL TERRITORIO PIU’ SELVAGGIO D’ITALIA

SCROLL

L’EVENTO PIÙ ATTESO DELL’ANNO STA ARRIVANDO!

CALA GONONE – SARDEGNA (ITALIA)

21-24 GIUGNO 2019

PERCORSI UNICI, DA AFFRONTARE IN PIENA AUTONOMIA

… UN DISTILLATO DI PURA POTENZA!

21-24 GIUGNO 2019 | CALA GONONE (NU) SARDEGNA - ITALIA
SUPRAMONTE X-WILD, NO STOP, UNSUPPORTED, BIKEPACKING
0
0
0
0
giorni
0
0
Hrs
0
0
min
0
0
sec

UN EVENTO UNICO NEL SUO GENERE

Il Supramonte è un territorio della Sardegna centro-orientale aspro per la sua morfologia e selvaggio nella sua natura, ancora poco addomesticato dalla civiltà dove bisogna ancora entrarci in punta di piedi senza far rumore e senza alterare quell’equilibrio che lo ha preservato sinora. Interessa un’area di circa 35.000 kmq e i territori di cinque comuni: Baunei, Dorgali, Oliena, Orgosolo e Urzulei. E la popolazione di questi territori che ha il merito di averlo preservato e curato in quanto è fonte di lavoro, di sostentamento  e di vita per loro. E’ un rapporto intimo che esiste da sempre con gli abitanti, per questo viene quasi venerato e protetto. E’ merito di questo popolo se è stato reso fruibile anche a noi, creando mulattiere e sentieri che servivano per accedere ai pascoli, al taglio della legna, alla produzione del carbone. Ma non è per tutti, solo gli esperti e chi veramente conosce questo territorio può avventurasi nel suo “intimo”, nelle parti più nascoste dell’interno o delle sue coste inaccessibili.

Il Supramonte X-Wild (SXW) è l’occasione per mettersi alla prova, per sapere se siamo all’altezza di ambire alla ristretta cerchia degli eletti, di chi può dire io ci sono stato, io l’ho conosciuto, io l’ho vissuto, io sono arrivato.

Cercheremo di farvelo conoscere attraverso 3 percorsi diversi per lunghezza e difficoltà:

  • SXW 300 km e 9.100 m di dislivello
  • SXW 200 km e 6.500 m di dislivello
  • SXW 150 km e 5.100 m di dislivello

Sarete solo voi e la vostra MTB in autosufficienza e completa autonomia con una traccia gps da seguire. Dovrete avere l’attrezzatura, l’alimentazione e l’acqua necessaria per poter far fronte a lunghe percorrenze senza appoggio e spesso senza incontrare nessuno se non qualche cinghiale, mufloni o animali selvatici. Dovrete avere la preparazione fisica e sopratutto mentale per affrontare fatica, disagi e solitudine ma sarete ripagati da quanto vedrete, da quanto riuscirete a percepire con i vostri sensi, dalle vostre emozioni che alla fine si trasformeranno in felicità, autostima e sentimenti positivi.

Naturalmente sarà possibile, e anche raccomandabile, procedere in piccoli gruppi di due o più persone per una maggiore tranquillità e sicurezza ma questo è lasciato alle scelte di ciascuno, ognuno potrà vivere questa avventura come più si sente di affrontarla.

Sono previsti un certo numero di check point dove certificare il proprio passaggio con orario e firma e dove, in alcuni di essi,  sarà possibile trovare anche la disponibilità di farsi una doccia, dormire con il sacco a pelo, mangiare qualcosa, rifornirsi d’acqua e poter ricaricare le batterie di torce, gps e cellulari.

Il SXW non è una gara, ognuno è libero di affrontare i percorsi come preferisce, nel minor tempo possibile, magari pedalando anche la notte con la luce dei faretti o creandosi delle tappe e sostando per la notte e magari mangiando nelle diverse trattorie e ristoranti che si incrociano lungo strada per gustare i piatti della cucina tradizionale sarda. L’importante e seguire fedelmente la traccia GPS, senza effettuare tagli e variazioni di percorso; è possibile allontanarsi, magari per raggiungere un locale o una capanna per dormire o una trattoria per mangiare, ma poi si deve ritornare sullo stesso punto del percorso da ve ci si è allontanati e riprendere la traccia.

Ci si può rifornire, mangiare e dormire dove si vuole (negozi, trattorie, ovili, case private, ecc.) ma è assolutamente vietato avere un aiuto programmato personale o una macchina d’appoggio, pena la squalifica e il ritiro.

Molti tratti dei percorsi sono impegnativi, pietrosi, accidentati e talvolta esposti, necessitano di una buona tecnica di guida e molta attenzione, qualche volta è preferibile, e altre volte è indispensabile, scendere e spingere la bici.

I partecipanti prendono atto di essere a conoscenza che il percorso non è segnalato, viaggiano a proprio rischio e pericolo, sono considerati in libera escursione personale senza alcun diritto in più rispetto agli altri utenti dei sentieri e delle strade che vanno pertanto rispettati. Dovranno percorre anche tratti di strade asfaltate e sterrate aperte al traffico e pertanto devono procedere rispettando il Codice della strada.

Sono consapevoli che non è presente alcun servizio di assistenza sanitaria, alimentare e meccanica da parte degli organizzatori lungo il tracciato.

Per chi avrà seguito l’intero percorso di uno dei tre programmati, anche se diverso da quanto dichiarato in sede d’iscrizione (vedi regolamento), certificato dalla traccia gps registrata che dovrà essere consegnata o spedita all’organizzazione subito dopo, sarà preso il tempo di arrivo che sarà pubblicato nell’elenco dei Finisher. A tutti i Finisher sarà consegnato l’attestato di partecipazione.

“Non si smette di pedalare quando si invecchia, si invecchia quando si smette di pedalare.”

ORGANIZZATORI

MONICA ANGIONI
MONICA ANGIONISOCIA FONDATRICE
ANTONIO MARINO
ANTONIO MARINOSOCIO FONDATORE
MAURIZIO DORO
MAURIZIO DOROSOCIO FONDATORE

COMUNICAZIONE E MEDIA

Mail:

info@supramontexwild.com

contatti@supramontexwild.com

Segreteria organizzativa:

Phone: +39 348 8618419 – Antonio Marino
Phone: +39 347 4575769 – Maurizio Doro
Phone: +39 339 1894151  – Monica Angioni

Comunicazione – Media:

https://www.facebook.com/SupramonteXWild/

https://www.instagram.com/supramonte_xwild/

press@supramontexwild.com

Sergio Loi

Phone: +39 340 8059746

sergioloi@gmail.com

Pasquale Mattu

Phone: +39 320 0203275

pasqualemattu006@gmail.com

IL SUPRAMONTE SU 2 RUOTE

SONO APERTE LE ISCRIZIONI PER L’EVENTO DAL 21 AL 24 GIUGNO 2019

ISCRIVITI

PARTNERS

PATROCINIO